Home Articoli Trasporto Pubblico. La Regione chiede di prolungare gli abbonamenti

Trasporto Pubblico. La Regione chiede di prolungare gli abbonamenti

SONY DSC
Pubblicità
“Autospurgo

“Desidero rassicurare tutti i cittadini e soprattutto i pendolari che in questo momento chiedono informazioni sul riutilizzo o il rimborso degli abbonamenti del trasporto pubblico locale, ferroviari, su gomma e di navigazione, non utilizzati a causa delle chiusure delle attività lavorative e delle scuole disposte per far fronte all’emergenza Covid-19, che la Regione del Veneto si è attivata subito con il Governo nazionale per chiedere l’adozione di una legge che tuteli gli interessi dell’utenza e riconosca la mancata fruizione dei servizi già pagati”. Risponde così l’assessore regionale ai trasporti, Elisa De Berti, alle tante legittime domande dei pendolari che chiedono chiarimenti e informazioni sulla possibilità di recuperare le spese per gli abbonamenti non utilizzati per le limitazioni conseguenti al diffondersi della pandemia. Lo stanziamento richiesto in prima battuta dalle Regioni per equilibrare i bilanci delle aziende di Trasporto Pubblico Locale, causa le mancate entrata dei biglietti e per prorogare la validità dei titoli di viaggio, ammonta a livello nazionale a 600 milioni di euro. “Se, come auspichiamo, la legge sarà varata nei prossimi giorni – prosegue De Berti –, visto anche l’unanime posizione in tal senso di tutte le Regioni italiane, comunicheremo diffusamente come procedere, invitando sin d’ora gli interessati a conservare i titoli di viaggio e a non inoltrare oggi richieste alla Regione”. La grave situazione determinata dal diffondersi del virus e i conseguenti provvedimenti nazionali e regionali di limitazione della circolazione delle persone, unitamente al calo di utenti, hanno portato a una consistente riprogrammazione dei servizi da parte dei gestori di TPL (ferroviario, automobilistico e via acqua) e al crollo dei ricavi da traffico. Da una prima ricognizione, è emerso che la contrazione si aggiri attorno all’85%. “Sebbene la decisione circa i rimborsi e la sospensione della validità dei vari titoli di viaggio sia materia attinente il rapporto contrattuale fra vettore e clienti e che pertanto la Regione non sia direttamente coinvolta – conclude De Berti –, riteniamo opportuno garantire la massima uniformità possibile sul territorio nazionale, al fine di evitare che gli utenti abbiano risposte differenti a seconda della Regione in cui risiedono. La soluzione più immediata e ammissibile appare quella del prolungamento degli abbonamenti per la parte residua di validità, che potrà essere usufruita a decorrere dal termine delle misure di limitazione della circolazione delle persone, con criteri e modalità attuative da definire attraverso un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, previa intesa con le Regioni.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia