Home Articoli Al via l’undicesimo mercato a km zero in Borgo Trieste, il primo...

Al via l’undicesimo mercato a km zero in Borgo Trieste, il primo in orario pomeridiano (video)

Pubblicità
“Autospurgo

E’ stato inaugurato oggi l’undicesimo mercato a km zero. Il nuovo appuntamento con frutta e verdura di stagione ha aperto oggi le sue bancherelle per la prima volta in piazza Cavalleri, in Borgo Trieste, con i prodotti locali del Consorzio Veronatura.

Questo è il primo mercato a Km zero aperto in orario pomeridiano che si terrà ogni giovedì pomeriggio dalle 13.30 alle 18.30. Una novità per ampliare ulteriormente un servizio molto apprezzato dai cittadini e andare incontro alle esigenze di tutti.

Sette i banchi presenti nel mercato, in cui è rispettato il rigido protocollo anti contagio messo a punto dal Consorzio Veronatura insieme al Comune e già applicato negli altri dieci mercati presenti negli altri quartieri cittadini. La tipologia dei prodotti in vendita è stata scelta tenendo conto dei negozi presenti sulla piazza e nelle vicinanze, per non creare concorrenza e dare a tutti l’opportunità di lavorare.

Si parte con la fase sperimentale per testare il gradimento dell’iniziativa da parte di veronesi e l’interesse degli operatori, oltre che per valutare eventuali modifiche o migliorie da apportare al progetto. Se tutto andrà bene, come è facile aspettarsi, sarà il Consiglio comunale ad approvarne la definitiva istituzione.

Oggi, all’inaugurazione ufficiale, ha partecipato l’assessore al Commercio Nicolò Zavarise, la presidente del Consorzio Veronatura Franca Castellani, la presidente della Circoscrizione sesta Maria Cristina Sandrini e il vicepresidente Federico Zavanella e alcuni consiglieri del parlamentino.

“Il successo dei mercati a km0 trova ragione anzitutto nell’offerta dei prodotti in vendita, la cui freschezza, provenienza locale  e costo sono garantiti dal Consorzio – afferma Zavarise-. A ciò si aggiunge l’aspetto sociale, che fa del mercato uno dei momenti per tradizione più vivi del quartiere. Perciò abbiamo deciso di sperimentare la fascia oraria del pomeriggio, per dare a tutti la possibilità di frequentare il mercato. Nel contesto storico che stiamo vivendo, l’iniziativa va anche nella direzione di sostenere l’economia del nostro territorio e, nello specifico, dei produttori locali. Massima attenzione anche ai negozi presenti sulla piazza, è stata privilegiata la scelta di alcuni prodotti piuttosto che altri per non creare concorrenza tra gli operatori del settore”. 

Franca Castellani
Zavanella e Sandrini

Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!