Home Articoli Lupi in Lessinia, Valdegamberi: “La Germania difende gli allevamenti, in Italia solo...

Lupi in Lessinia, Valdegamberi: “La Germania difende gli allevamenti, in Italia solo opposizioni ideologiche”

Pubblicità
“Autospurgo


Il consigliere regionale Stefano Valdegamberi, in occasione della 114a edizione dell’Antica Fiera del Bestiame di Erbezzo, ha evidenziato l’ormai insostenibile problema causato dalle quotidiane predazioni del lupo in Lessinia.

Dal 2020 in Germania gli allevatori le cui greggi sono aggredite dal lupo, sono autorizzati a sparare ai lupi fino a che le aggressioni non cessino. Da noi è una strage continua, nell’indifferenza di tutti. Anche il wwf tedesco è d’accordo – ha dichiarato consigliere Valdegamberi – mentre in Italia hanno paura di aprire bocca persino le associazioni agricole. Ancor meno la politica, attaccata al consenso basato sull’ideologia che sta portando alla distruzione dell’ambiente montano in nome della presunta tutele ambientale. Qui prevale l’ideologia; in Germania il buon senso e l’equilibrio. E’ la solita italietta dei molti Ponzio Pilato“.

“Con una recente legge la Germania ha reso più facile per agricoltori ed allevatori difendersi dai lupi, le cui predazioni sono in aumento – prosegue Valdegamberi -. Lo scorso anno i legislatori tedeschi hanno approvato una legge che consente di sparare ai lupi per proteggere il proprio bestiame, mentre prima potevano sparare solo se era minacciata la loro vita. Ora la nuova legge consente di uccidere i lupi fino al termine degli attacchi agli animali da allevamento, ed inoltre sono previsti aiuti economici per gli agricoltori e i pastori in caso di attacco. L’on. Hermann Färber dei Cristiani Democratici aveva denunciato 639 attacchi di lupi in Germania nell’anno, con oltre 2mila capi di bestiame uccisi”.

“È giunto il momento di fornire una soluzione agli allevatori per proteggere i loro animali ma non ci saranno sparatorie incontrollate – ha sottolineato il portavoce per l’ambiente dei socialdemocratici Carsten Träger -. Il WWF tedesco ha accolto con favore la decisione, affermando che sono misure necessarie, affinché esseri umani, bestiame e animali possano convivere assieme”.

“Come sempre i tedeschi ci superano in buon senso; da noi solo opposizioni ideologiche nonostante il numero delle predazioni in Italia sia di gran lunga superiore al loro”, conclude il consigliere Valdegamberi.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia