Home Articoli Verde pubblico, Padovani: “Entro l’autunno 800 nuove piantumazioni a fronte di poche...

Verde pubblico, Padovani: “Entro l’autunno 800 nuove piantumazioni a fronte di poche decine di tagli per ragioni di sicurezza”

Pubblicità
“Autospurgo

Si è tenuto ieri in Sala Gozzi a Palazzo Barbieri l’incontro organizzato dall’assessore alle Strade e Giardini Marco Padovani e il presidente di Amia Bruno Tacchella con diverse associazioni che collaborano con il Comune e che hanno partecipato alla stesura del Regolamento del Verde.

Oltre ai tecnici del Comune Stefano Oliboni, Luigi Fiorio e di Amia Marco Magnano e Francesco Donini, sono intervenuti gli ordini professionali di Architetti e Agronomi, la Società Italiana Arboricoltura, i Florovivaisti, Italia Nostra Verona Polis e il Gruppo di Azione Civica FrOnda Verde.

Durante l’incontro l’Amministrazione ha offerto una panoramica degli interventi eseguiti fin ad adesso, annunciando che, per concludere il ciclo di interventi programmati sulle piante ammalate o rese pericolanti dal maltempo, si procederà con l’abbattimento degli ultimi 5 ippocastani in via Ciro Menotti.

Sull’argomento è intervenuto anche Carlo Leone in rappresentanza dello Studio Verde di Torino, che ha effettuato l’analisi della stabilità degli alberi a seguito degli eventi atmosferici dell’agosto 2020. In quell’occasione sono state molte le piante colpite, la maggior parte delle quali però già traumatizzate per vari motivi. La valutazione è stata fatta su più di 4mila piante, concentrandosi su macro difetti, classificando come pericolosi quelli con difetti macroscopici in una o più parti dell’albero, sia sulla parte bassa ma soprattutto su quella alta che rende particolarmente pericolosa la stabilità e quindi la sicurezza dei cittadini.

L’occasione è stata utile anche per illustrare la parallela azione di riforestazione urbana con tutte le nuove piantumazioni che verranno fatte entro l’autunno, 400 dal Servizio Amia e 400 dal Servizio Giardini del Comune. Secondo i dati negli ultimi quattro mesi sono stati piantati 2500 alberi per l’iniziativa “Un albero ogni nato”, e in totale almeno 20mila alberi. A questi si aggiungono tutti gli arbusti e i cespugli per un totale di 40mila nuove piantumazioni.

“Questo incontro, che segue quello già fatto a giugno – spiega l’assessore Padovani – rispecchia lo spirito del Regolamento del verde, e cioè la trasparenza con cui il Comune sta affrontando per la prima volta la gestione scientifica del nostro patrimonio arboreo. Già nel precedente incontro, prima di iniziare i tagli, erano stati presentati i dati sulle piantumazioni e sugli abbattimenti fatti a seguito di perizie e verifiche. Un tema delicato come dimostrano le polemiche, spesso sterili, emerse nel corso degli interventi, nonostante avessimo avvisato tutti che si doveva procedere con alcuni tagli indispensabili per la sicurezza. Nessuna Amministrazione prova gusto ad abbattere gli alberi, quando viene fatto è solo per motivi di reale necessità e sulla base di precise perizie tecniche. Ciò che si sta facendo è una manutenzione seria del nostro patrimonio verde, ricordiamo infatti che nel tessuto urbano molte specie sono in sofferenza e si ammalano facilmente, questo è il motivo per cui le stiamo sostituendo con piante autoctone. Voglio quindi sottolineare il lato positivo, e cioè che l’Amministrazione comunale e Amia sono già impegnate in un piano di piantumazione importante a seguito anche di nuove risorse che sono state reperite. Entro l’inverno ne verranno piantate altre 800 circa a fronte delle poche decine abbattute per una corretta manutenzione e per evitare pericoli alle persone e alle cose”.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia