Home Articoli Fucina Culturale Machiavelli torna con la nuova rassegna “Teatro in tre dimensioni”

Fucina Culturale Machiavelli torna con la nuova rassegna “Teatro in tre dimensioni”

Pubblicità
“Autospurgo

“Teatro in tre dimensioni” è il titolo della nuova rassegna teatrale proposta per il 2021-2022 da Fucina Culturale Machiavelli nel teatro di via Madonna del Terraglio. Gli spettacoli prenderanno il via sabato 20 novembre in presenza.

L’obiettivo di Fucina Culturale Machiavelli è portare a Verona il meglio della drammaturgia contemporanea internazionale, come Yasmina Reza e Emily Jenkins, e registi di rilievo, tra cui Giorgio Sangati e Silvia Peroni; saranno presenti anche Teatro della Tosse e Teatro Bresci, realtà affermate nel panorama nazionale, e compagnie emergenti come Nardinocchi/Matcovich e ServoMuto Teatro. Marco Baliani presenterà per la prima volta lo storico Kohlhaas, mentre Fucina Culturale Machiavelli porterà le repliche della propria produzione teatrale in realtà virtuale.

Il primo spettacolo sarà Ol Baraba, della compagnia Sementerie Artistiche, che affronterà tematiche come il senso della vita e le responsabilità. La recitazione dell’attore principale, Pietro Traldi, sarà accompagnata dalle musiche dal vivo di Andrea Gobbo.

Oltre a una breve presentazione della stagione, sarà illustrato il progetto Spettatori Artistici, un percorso fatto di incontri e laboratori mirati a creare una comunità di spettatori preparati. Verranno introdotti anche gli spettacoli selezionati per la Fucina dei Piccoli, che prenderà il via a dicembre con la co-direzione artistica della compagnia Bam!Bam! Teatro.

Alla presentazione in sala Arazzi sono intervenuti l’assessore alla Cultura Francesca Briani, per Fucina Culturale Machiavelli il presidente Stefano Soardo ed Elisabetta Zerbinatti, la direttrice artistica Sara Menghetti e il co-curatore della stagione bambini Lorenzo Bassotto.

“Anche in questa stagione di Fucina Culturale Machiavelli, che pone uno sguardo attento sulla drammaturgia contemporanea, c’è una programmazione di assoluto livello – ha detto l’assessore Briani -. L’anno scorso la Fucina è stata fra i protagonisti della stagione teatrale veronese. Di questa realtà culturale vanno senza dubbio apprezzati la direzione artistica, la parte organizzativa e anche la capacità che negli anni di crescere e di assumersi anche la responsabilità di gestire un luogo fisico che di questi tempi non è assolutamente facile, grazie comunque ad un coraggio consapevole delle proprie capacità, ripagate senza dubbio dal pubblico”.

“Non c’è nulla di più importante ed innovativo se non ritornare a fare teatro nella stessa stanza – ha affermato il presidente Soardo -. Ringrazio il Comune di Verona, in particolare gli assessorati alla Cultura e Servizi sociali che ci supportano nella nostra attività culturale e di informazione, così come le fondazioni e gli sponsor”.

I biglietti potranno essere acquistati alla biglietteria del teatro a partire da un’ora prima del concerto oppure online nel sito https://www.fucinaculturalemachiavelli.com/stagione-di-teatro-2021-2022/. Ulteriori informazioni sono disponibili su www.fucinaculturalemachiavelli.com.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!