Home Articoli Vaccini anti-Covid: alto tasso di immunità nella Bassa Veronese, ma ancora tanti...

Vaccini anti-Covid: alto tasso di immunità nella Bassa Veronese, ma ancora tanti Comuni sotto la media

Pubblicità
“Autospurgo

Dagli ultimi dati settimanali forniti dall’ULSS 9 ai sindaci in materia di Covid-19 e vaccini, la Bassa Veronese risulta essere il territorio con il più alto tasso di immunizzati; l’area del nord, dal Baldo alla Lessinia invece, presenta gli indici più bassi. In contemporanea all’inizio dell’erogazione delle terze dosi, ad aver completato il ciclo vaccinale in Veneto è il 74,8% della popolazione; per quanto riguarda l’Italia in generale, gli immunizzati sono il 76,8%.

Sabato 13 novembre, la media nel Veronese era del 77,1%. Sono 19 su 98, i comuni con più dell’80% di immunizzati. Il dato più alto, 84,85%, viene da Pressana, con 1.874 vaccinati con due dosi sui 2.219. L’elenco comprende anche Albaredo, Angiari, Bevilacqua, Bonavigo, Boschi Sant’Anna, Castagnaro, Cerea, Isola Rizza, Minerbe, Nogara, Ronco, Roverchiara, San Pietro di Morubio e Villa Bartolomea. Il dato più rilevante è quello della città più grande del territorio, Legnago, che ha contato 19.227 immunizzati su 23.117, quindi l’83,17%, mentre l’unico comune al di fuori del Basso Veronese a raggiungere la quota di 82,11% è Belfiore.

La maggior parte dei Comuni scaligeri presenta fasce di popolazione vaccinate tra il 70 e l’80%. Verona è a quota 77,6%, Villafranca a 76,85% e San Giovanni Lupatoto a 77,8%. Nell’area più a nord della provincia sono dieci i comuni che non arrivano al 70%: il comune con il tasso più basso di vaccinazioni è Malcesine, dove solo il 62% ha ricevuto la seconda dose. Un altro Comune con percentuali basse è Brenzone, che supera di poco il 68,5%. Sono ben otto, poi, i paesi dell’area montana, dal Baldo alla Lessinia, con presenze di immunizzati contenute. Roveré, San Mauro di Saline e Velo non raggiungono il 65%, mentre sono di poco superiori a tale soglia Brentino, Belluno e Ferrara di Monte Baldo. Infine, si avvicinano al 70% Badia Calavena, Dolcè e San Zeno di Montagna.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!