Home Articoli Covid, trovata la variante Omicron nelle acque reflue del Veneto

Covid, trovata la variante Omicron nelle acque reflue del Veneto

Pubblicità
“Autospurgo

La variante Omicron del Covid 19 è risultata dominante in Veneto a seguito di un particolare studio condotto sulle acque reflue. Omicron, nella settimana dal 19 al 25 dicembre 2021, è stata infatti riscontrata in poco meno dell’80% dei campioni sequenziati.

Il dato è stato reso noto dalla responsabile della Direzione regionale Prevenzione, Francesca Russo, nel corso del punto stampa odierno sul Covid in Veneto, tenuto dal Presidente Luca Zaia, affiancato dall’Assessore alla Sanità, Manuela Lanzarin.

All’iniziativa di sorveglianza sistematica del Covid e delle sue varianti nelle acque reflue, istituita dal Ministero della Salute con il coordinamento dell’Istituto Superiore di sanità, il Veneto ha subito aderito, approvando su proposta dell’Assessore Lanzarin, una specifica delibera dal titolo “Istituzione di una sorveglianza sistematica del Sars-CoV-2 e delle sue varianti nelle acque reflue.

“Considerata l’importanza di tale sorveglianza – fa notare la Lanzarin – la Regione Veneto ha partecipato su base volontaristica a tutte le fasi sperimentali del progetto, supportando l’Iss con i dati e l’esito dei campionamenti attuati e ha individuato, come richiesto dallo stesso Iss, una serie di depuratori da campionare, privilegiando quelli a cui conferiscono i capoluoghi di provincia e i depuratori di Jesolo, Bassano e Peschiera, quali centri di particolare interesse turistico”.

In Veneto, la variante Omicron è apparsa inizialmente nella settimana tra il 5 e
l’11 dicembre, fino a diventare dominante in quella tra il 19 e il 25.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia