Home Articoli Veronafiere: Motor Bike Expo inaugura la stagione 2022, tanti ospiti e...

Veronafiere: Motor Bike Expo inaugura la stagione 2022, tanti ospiti e nuove norme di sicurezza – VIDEO

motor bike expo
Pubblicità
“Autospurgo

Il 2022 parte ufficialmente con il Motor Bike Expo, che ritorna a Veronafiere nella sua tradizionale collocazione invernale da giovedì 13 a domenica 16 gennaio. Un appuntamento attesissimo dai motociclisti, che possono tornare a vivere la moto e il suo mondo dal vivo. Sei mesi dopo la Special Edition di giugno, tutto è pronto per accogliere il grande pubblico secondo i protocolli di sicurezza anti Covid.

Paola Somma, co-fondatrice di Motor Bike Expo, sottolinea come “nonostante il periodo storico che stiamo attraversando, siamo molto orgogliosi di essere riusciti ad organizzare una manifestazione che ospiterà quasi 600 espositori in un contesto sicuro e in un ambiente che ha tutte le carte in regola per tornare ad essere un’occasione di divertimento per i motociclisti, oltre che d’incontro e di business per le aziende del settore delle due ruote”.

I visitatori e gli appassionati potranno vedere finalmente dal vivo i nuovi modelli di serie del 2022, oltre a cinquanta anteprime mondiali realizzati dai nomi più celebrati del mondo custom, su un’area mai vista neppure negli anni pre-pandemia: ben 8 padiglioni coperti, oltre all’attività sulle aree esterne, per una superficie complessiva di 120.000 mq. Lo stesso Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, appassionato e proveniente da una famiglia dove i motori sono di casa, auspica come “questa edizione del Motor Bike Expo segni un punto di ripartenza, in linea con lo stile di vita che caratterizza gli appassionati di moto, fatto di coraggio, libertà e fiducia nel futuro”.

“Il 2021 è stato per l’intero sistema fieristico nazionale l’anno della ripartenza, inaugurato proprio dall’edizione speciale di MBE a giugno. Ed è sempre la passione per il mondo della moto a dare il via anche al calendario 2022, a gennaio. Il salone registra già numeri importanti con 600 espositori e 8 padiglioni occupati, oltre alle aree esterne. Significa che abbiamo lavorato bene con il team di Francesco Agnoletto e Paola Somma e che le aziende, gli operatori e gli appassionati non vedono l’ora di tornare a Verona per l’appuntamento numero uno in Italia per il panorama delle due ruote a motore”, commenta Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere.

Motor Bike Expo è un Salone della motocicletta unico a livello internazionale. Negli anni ha consolidato un format che amalgama felicemente la produzione di serie e l’innovazione dell’industria al mondo custom, cioè alle preziose moto personalizzate costruite in esemplare unico o in serie limitata. MBE mette a disposizione degli appassionati un’offerta espositiva variegata e completa, l’esperienza e l’intrattenimento delle aree esterne e la presenza di ospiti e personalità di spicco delle due ruote in un ambiente friendly dove il motociclista si sente protagonista. Al centro ci sono sempre gli appassionati: ecco perché, nato come “raduno espositivo” biker invernale, oggi MBE è uno degli appuntamenti di settore più importanti in Europa. Diverso dagli altri, nello strizzare l’occhio al costume, al lifestyle e al mondo della moda.

Nonostante gli effetti della pandemia sulla capacità produttiva, il Mercato delle due ruote continua a chiudere il bilancio in segno ampiamente positivo. La moto è sempre nel cuore degli italiani, lo affermano i dati diffusi da Confindustria: l’anno si è chiuso segnando un inaspettato +21,2% sul 2020 immettendo sul mercato oltre 280mila veicoli. Un panorama che non solo riporta volumi di immatricolazioni maggiori al periodo pre-pandemia (+14,5% sul 2019), ma che presenta dimensioni che non si verificavano dal 2012. Un presupposto ideale per i Costruttori e i marchi di abbigliamento e accessori moto che hanno scelto MBE per proporre le novità agli appassionati.

“Un’altra sfida è stata affrontata con coraggio. Tantissime aziende e altrettanti artigiani hanno voluto intraprendere questa avventura assieme a noi per incontrare nuovamente il pubblico degli appassionati e per mettere in mostra il lavoro e le novità create nell’ultimo anno. Crediamo negli eventi in presenza in sicurezza, perché è nella natura dell’uomo ed in particolare del popolo dei motociclisti il bisogno di ritrovarsi, per condividere idee, progetti e passioni”, dice Francesco Agnoletto, CEO e Co-fondatore di Motor Bike Expo.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!