Home Articoli Bertucco: “Nel bilancio di previsione 2022-2024 si conferma il traforino”

Bertucco: “Nel bilancio di previsione 2022-2024 si conferma il traforino”

bertucco-traforo
Pubblicità
“Autospurgo

“Nel Bilancio di Previsione 2022–2024 viene riconfermato (sulla carta) per l’ennesimo anno il traforino per un costo di 120 milioni di euro che dovrebbe essere finanziato da non meglio precisati investitori privati”, a dirlo il consigliere di Sinistra in Comune Michele Bertucco.

“In realtà per il tanto sbandierato ‘nuovo traforo’ o, per essere più precisi, nuovo ‘traforino intervallivo’, non c’è nulla di concreto. Come la precedente amministrazione Tosi, anche Sboarina spreca il tempo e la fiducia che i veronesi gli hanno affidato per rincorrere i titoloni e fare propaganda anziché mettersi a lavorare sui problemi della città: traffico, verde, sviluppo sostenibile”.

“Rispondendo ad una mia domanda di accesso agli atti – dice Bertucco -, viene scritto ‘Gli uffici comunali non hanno sviluppato nessun progetto di traforo’. L’intenzione sarebbe quella di inserire una nuova ipotesi progettuale non appena l’amministrazione riuscirà a dotarsi di uno studio di fattibilità”.

“Se qualcuno ricorda le cinque paginette striminzite dello studio di fattibilità del traforo di Tosi (e all’epoca in giunta c’era anche Sboarina) e tutto il lavoro necessario per svilupparlo, possiamo tranquillamente convenire che in questo mandato Sboarina e soci non riusciranno a combinare nulla a livello progettuale”.

“A livello economico, poi, in Comune non esiste nessun documento che attesti la disponibilità dei famosi 53 milioni di euro della società autostradale A4. Dell’esistenza di tale contributo c’è soltanto una ‘conferma a seguito di un incontro informale’ (sic!) ma il tutto è comunque ‘subordinato alla sottoscrizione della convenzione unica tra Anas e A4’. Quando si parla di concretezza…”.

“Ma allora da dove salta fuori l’idea del traforino? – si domanda il consigliere comunale -, Se ne parlava in una nota congiunta del 2019, che la Provincia di Verona e il Comune di Verona avevano inviato alla società autostradale A22 in merito al nuovo piano di investimenti della Brennero nel trentennio 2018-2038”.

“In sostanza venivano manifestati all’A22 i bisogni (o presunti tali) del territorio sottoponendo un piano di opere dall’importo piuttosto irrealistico ammontante a ben 385 milioni di euro, piano che comprendeva anche la Nuova Mediana da Nogarole Rocca a San Bonifacio; il nuovo ingresso al Quadrante Europa, bretelle, bretelline e ponte Valdadige”.

“In questo contesto, e ‘a completamento della connessione della Città di Verona con il Casello di Verona Nord’, il Comune chiedeva la ‘sistemazione della Statale 12 strada di gronda Ovest’ per 130 milioni di euro e un’Collegamento intervallivo a nord della Città di Verona’ detto Traforino’. Verona dunque chiede altri 67 milioni di euro su un importo totale ipotizzato (ma sarebbe meglio dire immaginario, visto che non c’è progetto) di 120 milioni di euro. Eccolo dunque il traforo sulla carta”.

“Finalmente – conclude Bertucco – si ammette ciò che noi avevamo sempre sostenuto, e cioè che l’interesse delle Autostrade può riguardare soltanto una ipotesi di collegamento autostradale, pertanto, un traforo urbano finanziato dalle autostrade è un’ipotesi campata per aria. Rilanciando l’idea del traforo Sboarina quindi ci rilancia al punto di partenza con tutti i problemi di sostenibilità, attraversamento dei quartieri, costi e mancata valutazione delle alternative”.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!