Home Ambiente “Facciamo goal con Agenda 2030”, il progetto promuove sostenibilità e corretta alimentazione

“Facciamo goal con Agenda 2030”, il progetto promuove sostenibilità e corretta alimentazione

Pubblicità
“Autospurgo

Nella sede del Centro di Riuso Creativo all’Arsenale si è svolto l’incontro finale di “Facciamo goal con Agenda 2030“, iniziativa promossa dal Comune in collaborazione con Amia e Coldiretti che ha visto i bambini misurare le loro azioni green dal punto di vista delle abitudini alimentari e dell’uso di mezzi sostenibili per andare a scuola.

A partecipare sono state 29 scuole primarie di 14 Istituti Comprensivi per un totale di 4070 bambini, a cui si aggiungono anche 164 alunni di scuole medie primarie che hanno aderito ad uno dei tanti progetti proposti. Sono state infatti tantissime le attività che hanno coinvolto alunni ed insegnanti, come la formazione sull’orto didattico e sul verde, la creazione del Giardino dei Giusti del Lazzaretto, le uscite nel verde alla scoperta di alberi e licheni e per conoscere le api.

Il progetto “SEM’Insegni” ha promosso comportamenti positivi per un’alimentazione sana e rispettosa e ha portato i bambini in visita ai mercati a km0 del territorio; con “Metto le mani in pasta” i bambini si sono invece improvvisati veri e propri cuochi contadini, trasformando i prodotti in cibo al Mercato coperto di Coldiretti.

Tanti i riconoscimenti consegnati durante la mattinata per comportamenti virtuosi come piantare alberi, non sprecare acqua e cibo, camminare o andare in bici, ridurre i consumi e fare raccolta differenziata.

Menzioni speciali per calendari creativi sono andate alle scuole primarie Camozzini dell’IC 06, Ariosto IC dell’IC 11, Cesari dell’IC 13; per la produzione di materiali la scuola Uberti dell’IC 04, Vilio dell’IC 06 e Maggi dell’IC 18. Per le scuole medie invece, la Fincato Rosani per lo slogan “Merenda sostenibile, merenda inconfondibile”.

All’incontro finale sono intervenuti l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala, il vicepresidente di Amia Alberto Padovani, per Coldiretti il direttore Giuseppe Ruffini e la responsabile Concorso Scuole e Fattorie Didattiche Sociali Stefania Barana, insieme ai rappresentanti del Comune che hanno seguito il progetto.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!