Home Articoli Strage di Bologna, anche Verona presente alle celebrazioni del 42° anniversario

Strage di Bologna, anche Verona presente alle celebrazioni del 42° anniversario

Pubblicità
“Autospurgo

Tante le iniziative legate al 42° anniversario della strage di Bologna, e anche Verona, tramite l’Assessore Jacopo Buffolo era presente, con il Gonfalone della città. Una giornata che ricorda le 85 persone che, il 2 agosto 1980, alle ore 10.25, persero la vita nell’attentato alla stazione del capoluogo emiliano. Tra queste anche il giovane veronese Davide Caprioli.

“Per la nostra Amministrazione – sottolinea l’assessore Buffolo – è stato fondamentale presenziare alla commemorazione del 42° anniversario della strage alla stazione di Bologna, nella quale è scomparso anche il nostro concittadino Davide Caprioli, un ragazzo di poco più di vent’anni di ritorno dalle ferie. Dopo tanti anni, grazie all’impegno e alla tenacia dell’Associazione dei Familiari delle vittime, è caduto un velo di ipocrisia e omertà che ha aperto la strada a nuove verità. Come ha ribadito il presidente Paolo Bolognesi, finalmente il processo ai mandandati con la sentenza di primo grado, è arrivato ad una svolta importante: la strage è stata organizzata e finanziata dai vertici della Loggia P2, protetta dai servizi segreti deviati ed eseguita da mano fascista. Questa giornata ci insegna che, se ognuno di noi fa la propria parte, possiamo rinforzare la democrazia. La memoria infatti non va solo ricordata, ma anche praticata quotidianamente, affinché sia motore delle nostre azioni”.

Tante le iniziative in programma, tra le quali il progetto patrocinato dall’Assemblea Legislativa per far arrivare “a destino”, come da terminologia dei ferrovieri, le vittime che hanno tragicamente interrotto il loro viaggio.

Realizzata dalla compagnia Teatro dell’Argine, ha coinvolto 85 cittadini i quali, alle 10.25, sono partiti dalla stazione di Bologna, per raggiungere le varie mete con una valigia bianca. Arrivati a destinazione la consegneranno a un passante affinché il viaggio della memoria possa continuare.

Il programma della giornata ha inoltre previsto l’arrivo da tutta Italia delle staffette podistiche “Per non dimenticare” e staffette ciclistiche. Dopo l’intervento del presidente dell’Associazione Familiari Vittime della Strage alla Stazione di Bologna, Paolo Bolognesi, è seguito il triplice fischio del treno e il minuto di silenzio in memoria delle vittime alle 10.25, ora della strage.

Successivamente si è tenuta la deposizione di corone nella sala d’attesa della Stazione Centrale e il ricordo del ferroviere Silver Sirotti, deceduto nella strage dell’Italicus al primo binario della Stazione Centrale. Dal Piazzale Est della Stazione è partito il treno straordinario per San Benedetto Val di Sambro, dove verranno deposte le corone alle lapidi in memoria delle vittime degli attentati ai treni Italicus e 904 Napoli-Milano.

L’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Maria Zuppi, ha celebrato una messa in suffragio delle vittime nella Chiesa di San Benedetto, mentre nella sede Cotabo sono state deposte delle corone al monumento in ricordo dei tassisti deceduti. Come sempre la giornata si concluderà alle 21.15 in Piazza Maggiore in occasione del concorso internazionale di composizione “2 agosto”, giunto alla 28^ edizione e dedicato a partiture per orchestra, senza strumenti solisti, con l’Orchestra del Teatro comunale di Bologna. Al termine la proiezione del documentario “Un minuto di silenzio”, la strage della stazione di Bologna nel racconto di Paolo Bolognesi.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!