Home Articoli L’ente Parco della Lessinia lancia il nuovo sito e il periodico istituzionale

L’ente Parco della Lessinia lancia il nuovo sito e il periodico istituzionale

Pubblicità
“Autospurgo

Un 2022 di novità per il Parco Naturale Regionale della Lessinia, dopo la storica approvazione dello Statuto, l’Ente si è dotato di un sito internet (www.lessiniapark.it ) che rispetta le normative della trasparenza istituzionale, ma che guarda anche alla promozione del territorio e che verrà implementato nei prossimi mesi.

Una veste grafica accattivante e una fruibilità semplificata consentiranno ai residenti e ai turisti di trovare tutte le informazioni necessarie per le loro esigenze. Inoltre una pagina facebook affianca il portale e consentirà di comunicare le attività e le iniziative dell’Ente.

“Nella fase di costruzione dell’Ente Parco in tutte le sue componenti, abbiamo iniziato un percorso di comunicazione che soddisfa i parametri normativi e che va incontro agli utenti (residenti e turisti) – esordisce il presidente Giuliano Menegazzi – ad inizio anno abbiamo affidato l’incarico di addetto stampa ed abbiamo inoltre incaricato una ditta per la realizzazione del sito internet, che da più di un mese è online”.

“Da pochi giorni è uscito il primo numero del periodico istituzionale gratuito denominato Il Parco Informa – continua il presidente – che si può trovare nei rifugi, nei musei, nei punti turistici e negli esercizi pubblici del territorio dell’Ente Parco, oltre che online sul nostro nuovo sito internet”.

“Nel primo numero sono presenti i saluti istituzionali del presidente della Regione Veneto Luca Zaia e dell’assessore ai parchi Cristiano Corazzari – conclude Menegazzi – la prossima uscita, prevista per la stagione invernale, vedrà un ampliamento delle pagine e delle tematiche trattate”.

Un’altra iniziativa dell’Ente Parco per l’estate 2022 è il Camminaparco, una serie di escursioni guidate che permettono di scoprire i territori della Lessinia, con un ricco calendario di itinerari che, iniziato ad agosto, proseguirà fino al mese di ottobre. Le prime date sono già tutte esaurite, a testimoniare il fatto che c’è una gran voglia di riscoprire la montagna, sia da parte dei turisti veronesi, ma anche di quelli provenienti da fuori Regione e dall’estero.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!