Home Articoli Via Adigetto: giovedì verranno sostituite 4 piante ammalorate e poco...

Via Adigetto: giovedì verranno sostituite 4 piante ammalorate e poco sicure i passanti

Pubblicità
“Autospurgo

Saranno sostituiti giovedì i 3 alberi ammalorati che si trovano nell’aiuola verde in via Adigetto, sotto le mura. Al loro posto saranno subito piantumate 4 nuove piante alte circa 4,5 metri.

Un intervento necessario, soprattutto per l’incolumità della popolazione. Le piante che verranno sostituite si trovano infatti in una situazione tale che non è possibile nessuna alternativa. Da qui la scelta dell’assessorato alle Strade e Giardini di procedere con la rimozione degli alberi e la loro immediata sostituzione, procedimento che d’ora in poi sarà quello privilegiato.

Nei prossimi giorni, quindi, via Adigetto sarà oggetto degli interventi di Amia che, dopo le nuove piantumazioni, si concentreranno sull’area verde, che sarà ripulita, dotata di un nuovo sistema di irrigazione e in cui verrà seminato un nuovo manto erboso.

I 4 alberi che saranno messi a dimora fanno parte della famiglia delle Lagerstroemie; andranno a sostituire un quercus fastigiata, un cedrus deodara e un libocedrus decurrens.

“La perizia sullo stato di salute di queste piante risale al gennaio scorso – afferma l’assessore alle Strade e Giardini-. È evidente che era compito della precedente amministrazione prendere provvedimenti adeguati e tempestivi. Oggi le tre piante in via Adigetto si trovano in una situazione tale che la loro sostituzione è inevitabile, ne va soprattutto dell’incolumità dei cittadini. Per la prima volta la sostituzione delle piante avverrà praticamente in concomitanza con la rimozione e, nel caso specifico, addirittura in misura superiore. In questo modo evitiamo che le aree verdi oggetto degli interventi rimangano in deficit di alberi, così ci guadagna la popolazione. I lavori dei prossimi giorni saranno anche l’occasione per ripulire, sistemate e rendere più bella un’aiuola a due passi da piazza Bra, di passaggio da veronesi e turisti”.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!