Home Articoli Zucca, funghi e frutti dimenticati al Mercato della Terra Slow Food di...

Zucca, funghi e frutti dimenticati al Mercato della Terra Slow Food di Sommacampagna

Pubblicità
“Autospurgo

Domenica 2 ottobre si preannuncia un’edizione speciale per il Mercato della Terra Slow Food di Sommacampagna. Oltre al ritorno di due amate primizie stagionali come la zucca e i funghi, l’appuntamento eccezionale è alle ore 10:00 per lo “Show Cooking con i frutti dimenticati”. I protagonisti saranno due chef, un sommelier e un fornaio. Mattia Bianchi, Executive Chef 1 Stella Michelin del Byblos Art Hotel Villa Mistà, realizzerà una ricetta con un particolare frutto dimenticato, l’uva spina.

Il piatto sarà abbinato ad una birra Lambic presentata da Gabriele Canova, sommelier della Taverna dal Conte di Monzambano. Ad Andrea Mantovanelli, già capitano della Nazionale Italiana di catering e coach della Nazionale Italiana di panificazione e pasticceria, il compito di cucinare il brodo di giuggiole del Serraglio e a Mirko Zenatti, titolare del Forno F.lli Zenatti e medaglia d’oro nella categoria “Viennoiserie” all’ottavo “Mondial du Pain”, l’incarico di preparare gli zaletti con frutti e farine dimenticati. Un’opportunità per coinvolgere dal vivo i presenti e sensibilizzarli sull’utilizzo di prodotti di stagione, dimenticati a favore di altre coltivazioni, ma con storie e proprietà benefiche che meritano di essere riscoperte.

Dalle 9.00 alle 13.00, nell’alberata Piazza della Repubblica di Sommacampagna saranno come sempre presenti una trentina di piccoli produttori e artigiani del cibo provenienti dal veronese e dalle province limitrofe, selezionati da Slow Food Garda Veronese. Due le novità di stagione: la zucca mantovana, che si potrà gustare anche fritta, proposta dall’azienda agricola Corte Lidia e i funghi Pleurotus, Shiitake, Champignon, Pioppini, Carboncello coltivati in serra dall’azienda agricola veronese Daniela Castagna.

Il Mercato della Terra di Sommacampagna si attesta sempre più come un luogo di incontro e confronto culturale, oltreché di scambio diretto tra produttori e consumatori.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!