Home Articoli Occhio al prezzo, le precisazioni dell’assessore Benini: “Nessuna indicazione, solo dati sulle...

Occhio al prezzo, le precisazioni dell’assessore Benini: “Nessuna indicazione, solo dati sulle variazioni”

Pubblicità
“Autospurgo

“Sui pannelli non saranno riportati i prezzi, ma le loro variazioni in aumento e diminuzione, risultanti da una campionatura di oltre 670 prodotti in più di 600 punti vendita presenti sul territorio – sottolinea l’assessore alla Statistica Federico Benini –. Il tutto in un’ottica di trasparenza e di diffusione del servizio di rilevazione prezzi ISTAT, effettuato da 20 anni dall’ufficio comunale di Statistica, ma mai adeguatamente divulgato alla cittadinanza. Ripeto, la comunicazione riguarda la variazione dei prezzi, non il costo di un prodotto rispetto ad un altro, come evidenziato da Confesercenti”.

“Da un ventennio il Comune di Verona appartiene al campione di 80 Comuni italiani che mensilmente svolgono l’indagine sui prezzi al consumo. La rilevazione locale si svolge dal 1° al 21° giorno del mese, su oltre 600 punti vendita – grande distribuzione, distribuzione tradizionale, liberi professionisti, ecc. – per più di 60.100 quotazioni annue degli oltre 670 prodotti compresi nel paniere. A questa rilevazione locale vengono aggiunti i dati raccolti direttamente dall’Istituto Centrale di Statistica attraverso l’utilizzo di una pluralità di fonti. Le ‘variabili’ prese in esame sono quindi ampie e approfondite”.

“Su queste basi, da ottobre, mese dedicato alla educazione finanziaria, l’Amministrazione ha deciso di avviare questo nuovo progetto ed essere al fianco dei consumatori per accrescere le informazioni in loro possesso per una spesa più consapevole, arginando eventuali comportamenti speculativi. I dati, indicativi delle sole variazioni, verranno pubblicati, oltre che sul sito del Comune, anche sui tabelloni dei varchi presenti agli ingressi cittadini”.

“Ricordo che la Commissione comunale di controllo prezzi di Verona è attualmente composta, come previsto dalla legge, da rappresentanti di Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Verona; Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – I.T.L. di Verona; Confcommercio Imprese per l’Italia Verona – AS.CO. della Provincia di Verona; Federazione Provinciale Coldiretti di Verona; Confartigianato – U.P.A. di Verona; CGIL, CISL e UIL di Verona”.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!