Home Articoli Dal 26 ottobre Verona capitale del cinema under 24, con il Believe...

Dal 26 ottobre Verona capitale del cinema under 24, con il Believe film festival

Pubblicità
“Autospurgo

Divertimento, opportunità e formazione. Queste sono solo alcune delle parole chiave che da sempre contraddistinguono il Believe Film Festival, il concorso di cortometraggi che, dal 26 al 29 ottobre, da sei anni anima Verona in una grande festa del cinema under 24. Nel corso dei quattro giorni 18 film delegation selezionate su tutto il territorio nazionale avranno l’opportunità di portare il loro cortometraggio sul palcoscenico del Teatro Ristori, non più per una, ma per ben due serate di spettacolo aperte alla città. “Un evento cresciuto negli anni – dichiara l’assessore alle Politiche giovanili Jacopo Buffolo –, che quest’anno ha raggiunto numeri davvero straordinari in termini di partecipazione di giovani, sia per quanto riguarda l’organizzazione, completamente strutturata su ragazzi e ragazze volontari, che per i protagonisti, creativi fra i 14 e i 24 anni che avranno l’opportunità di presentare al pubblico le proprie produzioni cinematografiche. Tanti i temi toccati e gli spunti di riflessione offerti attraverso i cortometraggi scelti per questa edizione del Festival, che invito a conoscere e seguire”.   Il Festival è stato presentato questa mattina dall’assessore alle Politiche giovanili Jacopo Buffolo insieme al direttore del Believe Film Festival Francesco Da Re. Presenti anche i rappresentati della direzione artistica del Festival, Davide Mogna e Livia Ferraguzzi. Programma. La prima serata di proiezioni, che si terrà venerdì 27 ottobre, coinvolgerà otto cortometraggi scelti per partecipare alla sezione “Believe Extra”: la prima novità di quest’anno, che prevede la possibilità di proiezione per quei cortometraggi che, pur non rientrando nei requisiti per partecipare al concorso ordinario, si sono distinti per la particolare qualità tecnica o per loriginalità della riflessione sviluppata. Nelcorso della serata sarà proiettato anche il corto “Dive” di Aldo Iuliano, prodotto da Newgen Entertainment e presentato alla Mostra del Cinema di Venezia80. Nella serata di sabato 28 ottobre, invece, si terrà a partire dalle 17 l’ormai tradizionale serata di gala, durante la quale saranno proiettati i dieci film selezionati per il concorso ordinario: cinque appartenenti alla “SezioneEsordienti” e cinque appartenenti alla “Selezione Ufficiale”.  A giudicare la bontà dei cortometraggi sarà la giuria composta da quattro giudici: Lorenzo Ciofani, giornalista per la rivista del Cinematografo; Francesca Amitrano, direttrice della fotografia per la serie tv “Mare Fuori”; Aaron Ariotti, insegnante di sceneggiatura presso la Scuola Holden di Torino e Valerio Ferrara, regista de “Il Barbiere complottista”, vincitore del premio La Cinef 2022 al Festival di Cannes. “Circa 75 ragazzi concorrenti vivranno l’esperienza Believe grazie al lavoro di più di 70 giovani volontari – evidenzia il direttore del festival, Francesco DaRe –, che da mesi stanno progettando e lavorando per offrire il massimo a loro coetanei che condividono la passione per il cinema all’interno di questa grande festa”. Il Believe, dopo il successo riscosso l’anno scorso, torna anche a coinvolgere le scuole della città: più di 600 studenti degli istituti secondari di secondo grado parteciperanno alla “mattinata delle scuole”, durante la quale saranno proiettati alcuni dei corti selezionati per il Believe Film Festival 2023 in contemporanea al teatro Ristori e al cinema Rivoli nella mattina di venerdì 27 ottobre. A conferma della volontà di creare rete e valorizzare giovani talenti nel mondo del cinema, tra le novità di quest’anno rientra anche la “Believe Cinema Expo”. Una vera e propria esposizione alla Gran Guardia che, nella mattinata di sabato 28 ottobre, coinvolgerà accademie, riviste, aziende e professionisti del cinema veronese e non solo. Tra gli invitati anche Cinelà – festival del Cinema Africano e il Bridge Film Festival. 
Il festival gode del patrocinio del Ministero della Cultura, della Regione Veneto, del Comune di Verona, della Fondazione Ente dello Spettacolo e della Veneto Film Commission.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!