Home Articoli All’Istituto Einaudi gli studenti diventano custodi degli alberi

All’Istituto Einaudi gli studenti diventano custodi degli alberi

Pubblicità
“Autospurgo

Gli studenti diventano custodi degli alberi. Così preservarno il patrimonio verde e ne tramandano il valore come simbolo di pace e bene comune. Succede all’Istituto Tecnico Economico Statale “L. Einaudi”, dove hanno preso il via i due progetti “Hibaku Jumoku” e di “Mappatura degli Alberi del Parco Santa Teresa” a cui parteciperanno rispettivamente le classi quinte e seconde. Le iniziative vedranno studenti e insegnanti collaborare alla realizzazione di opere fruibili dalla cittadinanza al Parco Santa Teresa, per la cura del quale l’associazione Nuova Acropoli Verona OdV da ormai tre anni ha stretto un patto di sussidiarietà con il Comune.

Progetto “Hibaku Jumoku”. È stato pensato con l’intento di sensibilizzare l’intera popolazione al valore della Pace, attraverso la piantumazione di un esemplare di Hibaku Jumoku (Albero Bombardato). Gli Hibaku Jumoku sono gli alberi sopravvissuti alla caduta della bomba atomica sulla città di Hiroshima del 1945, divenuti dei veri e propri simboli di pace e rinascita per l’incredibile forza vitale dimostrata dopo il tragico evento. I semi di alcuni di questi alberi sono stati donati dalla città di Hiroshima ad associazioni internazionali per permetterne la divulgazione. Nuova Acropoli Verona OdV, lo scorso anno, ha vinto un bando di selezione per ricevere l’esemplare di Hibaku che la prossima primavera verrà piantato proprio al Parco Santa Teresa in Borgo Roma.

Gli studenti saranno coinvolti creando dei pannelli relativi alla sua storia, alla bomba atomica e sul tema della Pace, che verranno poi installati nel parco in prossimità dell’albero.

Mappatura degli alberi al Parco Santa Teresa. Il progetto pone l’attenzione verso l’identificazione delle specie di piante già presenti nel parco. I ragazzi, guidati dai loro insegnanti e dai volontari, si occuperanno della realizzazione di cartelli informativi che daranno la possibilità di visionare online caratteristiche, curiosità e storia di ogni specie presente attraverso la scansione di un QR code. La ricerca delle informazioni relative ad ogni albero del parco sarà sempre a cura delle classi coinvolte.

I progetti sono stati presentati all’Einaudi in una mattinata molto partecipata e vissuta con entusiasmo da studenti e volontari, alla quale sono intervenuti la dirigente scolastica Carla Vertuani, il dirigente del Comune Giuseppe Baratta e la responsabile dell’Ufficio Beni Comuni, Sussidiarietà e Politiche Giovanili Lisa Lanzoni che hanno illustrato il progetto Urbact “Re-Gen” e il patto di sussidiarietà che comprende diverse realtà presenti in tutta la città di Verona.

In chiusura, infine, l’assessore alle Politiche giovanili e di partecipazione Jacopo Buffolo ha coinvolto i ragazzi in un dibattito ascoltando le loro proposte per un miglioramento del territorio urbano.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!