Home Articoli Est Veronese, quale futuro? Oltre 100 persone al convegno promosso da Bozza...

Est Veronese, quale futuro? Oltre 100 persone al convegno promosso da Bozza con produttori e associazioni

Pubblicità
“Autospurgo

Promuovere lo sviluppo del territorio dell’Est Veronese. Il tema è stato affrontato nel convegno “Est Veronese – Quale futuro?”, che si è tenuto ieri sera a Caldiero nell’auditorium comunale. Ha aperto i lavori della serata, a cui hanno partecipato oltre cento persone, il sindaco di Caldiero Marcello Lovato. L’incontro è stato moderato dal consigliere regionale Alberto Bozza, che è pure intervenuto presentando le molte possibilità che apre (in termini di filiera economica tra produzione e distribuzione, di finanziamenti pubblici e di promozione del territorio) la recente legge regionale, di cui è primo firmatario, sui Distretti del Cibo, e informando sullo stato di attuazione del nascente distretto del cibo veronese “Domini Scaligeri”. 

È intervenuto poi il Direttore di Aipo, Enzo Gambin, il quale ha sottolineato l’importanza dell’olivicoltura in particolare nel territorio collinare della zona e la possibilità di estendere gli impianti di olivo, considerato il cambiamento climatico, ad altitudini più elevate.A seguire il direttore del Consorzio Tutela Vini Lessini Durello e Soave, Igor Gladich, e Christian Marchesini per il Consorzio Tutela Vini Valpolicella, che hanno posto in risalto le opportunità delle rispettive produzioni vinicole e le nuove sfide che i produttori sono chiamati ad affrontare in un mercato sempre più globale.È spettato a Michele Taioli, consigliere provinciale e vice sindaco di Illasi, sviluppare il tema dell’impulso turistico che verrebbe generato con la costruzione della pista ciclabile della Val d’Illasi, un percorso che attraverserà otto comuni della Valle e dell’Est Veronese, fino alla ciclabile di Zevio.

La situazione turistica della zona, le necessità di sviluppo e le prospettive future erano già state in precedenza esaminate dalla responsabile dello IAT Est Veronese, Sara Lucchi.Nessuno sviluppo potrebbe oggettivamente avere luogo in assenza di infrastrutture e, in particolare, senza il completamento atteso da anni delle Strada provinciale 10 di collegamento della Val d’Illasi con le arterie della pianura.  Puntando l’attenzione sulla situazione, Emanuele Tosi del “Comitato S.P. 10 Tutta” ha fatto il punto sullo stato dell’opera, i finanziamenti e i tempi necessari per il suo completamento.

L’On. Flavio Tosi, vicepresidente della commissione Trasporti e Infrastrutture alla Camera dei Deputati, intervenuto in collegamento da Roma, ha sottolineato l’importanza di incontri come questi, che sono momenti di confronto concreto tra produttori e amministratori locali per attuare al meglio strumenti legislativi come la norma sui distretti del cibo e realizzare le infrastrutture necessarie allo sviluppo dell’Est Veronese.   


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!