Home Articoli Spacciava tra San Bernardino e il centro storico, pusher arrestato dalla Squadra...

Spacciava tra San Bernardino e il centro storico, pusher arrestato dalla Squadra Mobile

Pubblicità
“Autospurgo

Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, gli uomini della Sezione Antidroga della Squadra Mobile scaligera hanno arrestato, nel tardo pomeriggio di giovedì scorso, un uomo trovato in possesso di hashish, cocaina e marijuana.

Al pusher – che, come emerso dai mirati servizi di osservazione e pedinamento, spacciava prevalentemente nelle zone di San Bernardino e del centro storico – è stato immediatamente contestato non solo il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, ma anche quello di resistenza a Pubblico Ufficiale e quello di lesioni.

L’uomo – disoccupato e pregiudicato per spaccio di stupefacenti – è stato sorpreso dagli agenti mentre usciva di casa ed ha sin da subito manifestato un atteggiamento non collaborativo; all’atto del controllo, dopo aver dichiarato di aver lasciato i propri documenti all’interno dell’appartamento, ha reagito con estrema violenza ed ha aggredito i poliziotti nel tentativo di impedire loro l’accesso all’abitazione.

Le successive perquisizioni personale e locale effettuate dagli operatori di polizia hanno consentito di rinvenire e sequestrare 6 panetti di hashish, del peso complessivo di grammi 606,86, 6 involucri di cocaina del peso lordo di 6,54 grammi, e 1,14 grammi di marijuana. Oltre allo stupefacente, sono stati rinvenuti anche un bilancino di precisione, dei coltelli con la lama ancora intrisa di hashish, altro materiale per il confezionamento della droga e 2300 euro in contanti – somma verosimilmente ritenuta provento dell’attività di spaccio. Nel corso della perquisizione dell’appartamento sono state anche rinvenute e sequestrate 24 armi bianche, tra cui machete, catane, sciabole, pugnali e coltelli a farfalla.

I due poliziotti aggrediti hanno riportato lesioni con prognosi l’uno di 10 e l’altro di 7 giorni.

L’uomo – finito in manette e accompagnato presso la casa circondariale di Montorio – a seguito della convalida della misura precautelare, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia