Home Articoli Consegnato un nuovo furgone alla Ronda della Carità

Consegnato un nuovo furgone alla Ronda della Carità

Pubblicità
“Autospurgo

Un supporto concreto per favorire le attività messe in campo ogni giorno dalla Ronda della Carità Verona in favore di chi si trova in situazioni di difficoltà. In aiuto all’organizzazione di volontariato veronese è arrivato oggi un nuovo furgone, dono dall’azienda VetroCar.

Alla cerimonia di consegna delle chiavi sono intervenuti questa mattina in piazza Bra, davanti a Palazzo Baribieri, l’assessore al Terzo settore Italo Sandrini l’Amministratore Delegato di VetroCar Maurizio Acri e il presidente della Ronda Alberto Sperotto.

L’assessore Italo Sandrini dichiara: “In un momento in cui le cronache riportano con forza il tema della cura e dell’assistenza ai bisognosi, questo gesto di solidarietà costituisce un segno tangibile di attenzione alle necessità del territorio. La consegna di questo pulmino è un gesto di solidarietà importante e un modo per prevenire alcune situazioni che possono trasformarsi in tragedie note a tutti. Come Amministrazione vorremmo non solo che queste emergenze non si verificassero più, ma riuscire ad incidere in modo diverso. Crediamo nella necessità di operare un cambio di mentalità affinché la gestione di situazioni emergenziali si trasformi in aiuti costanti e quotidiani a persone che, per varie ragioni, si trovano in difficoltà. Obiettivo di questa Amministrazione, con l’ausilio delle associazioni, è non solo di gestire le emergenze, ma soprattutto di prevenirle”.

“Un piccolo gesto solidale che rappresenta un contributo tangibile alla missione della Ronda della Carità – ha evidenziato Maurizio Acri –. Abbiamo molto da imparare da chi si prende cura degli altri. La donazione del furgone consentirà alla Ronda di ampliare e migliorare i propri servizi, garantendo una maggiore efficienza nelle attività di solidarietà sul territorio. VetroCar è orgogliosa di collaborare con organizzazioni locali per promuovere il benessere della comunità e guardare al futuro con un occhio di responsabilità sociale”. 


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!