Home Articoli Fondazione DVG – Turismo: prove tecniche di sinergia nel Nord Italia

Fondazione DVG – Turismo: prove tecniche di sinergia nel Nord Italia

Pubblicità
“Autospurgo

Da Verona a Brescia, al Nord Italia: prove tecniche di sinergia tra filiere turistiche per un co-marketing in vista della promozione di una delle principali destinazioni italiane. Se n’è parlato in un incontra tra i vertici di Destination Verona & Garda Foundation (Fondazione Dvg) e una delegazione capeggiata dal  Presidente della Camera di Commercio di Brescia, Roberto Saccone e dall’ad di Visit Brescia, Graziano Pennacchio, cui ha partecipato anche il dirigente regionale del Turismo, Stefan Marchioro.

La provincia di Brescia nel 2023, secondo il locale Osservatorio di Federalberghi, ha superato i 13 milioni di presenze, con un soggiorno medio di 4,5 giorni, ed è seconda nel web per recensioni in Lombardia, dietro a Sondrio. Dal punto di vista della redditività, la provincia rappresenta un quarto del Pil turistico regionale, seconda solo a Milano.

“Ogni realtà ha le sue specificità, – ha spiegato il Presidente della Camera di Commercio di Brescia, Roberto Saccone – siamo qui a studiare un modello vincente, quale quello della Fondazione Dvg, che ha coinvolto tutti gli stakeholder, che dimostra come esista la possibilità di superare le individualità e apre prospettive straordinarie da un punto di vista dell’attrattività del territorio. Il turismo è la terza gamba dell’economia locale e può diventare una fonte di creazione di ricchezza fondamentale”.

“Grande interesse del Nord Italia sulla nostra Fondazione –ha chiosato Paolo Artelio, Presidente della Fondazione Dvg – abbiamo spiegato tutto il percorso fatto con i Comuni per arrivare a costituire la Fondazione e i risultati che stiamo raggiungendo. Se queste realtà costituissero analoghe organizzazioni potremmo lavorare in sinergia con azioni di co-marketing e lavorando assieme, creando un’importante destinazione che ha tutti i numeri per divenire una delle prime in Italia”.

Anche Padova e le Terme Euganee si stanno muovendo verso il modello veronese come ha sottolineato Stefan Marchioro. La visita, introdotta del vice Presidente della Camera di Commercio Paolo Tosi, con un excursus storico dalla nascita della Fondazione Dvg nel 2022, con il progetto RiVer, rientra nel tour “Study Visit” organizzato da JustGoodTourism di Adriana Miotto: tre giornate sul campo per confrontarsi direttamente con le Dmo di Verona, Bologna e il Trentino. L’obiettivo è studiare un modello di governance territoriale per l’offerta turistica bresciana. Al tour hanno partecipato anche una ventina di operatori delle diverse destinazioni bresciane.

Graziano Pennacchio, amministratore delegato di Visit Brescia, società in house della Camera di Commercio di Brescia ha affermato che “si tratta di una giornata importante perché dobbiamo pianificare il futuro della promozione del turismo, siamo l’ottava provincia in Italia per presenze turistiche. Non possiamo correre da soli per cui stiamo conoscendo realtà che hanno coinvolto tutti i principali attori che ruotano attorno alla filiera turistica”.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia