Home Articoli In Gran Guardia il congresso nazionale dell’Air organizzato dall’Ortopedia dell’IRCCS di Negrar

In Gran Guardia il congresso nazionale dell’Air organizzato dall’Ortopedia dell’IRCCS di Negrar

Pubblicità
“Autospurgo

Da giovedì 7 a venerdì 8 marzo si terrà alla Gran Guardia il IX Congresso nazionale della AIR (Società Italiana Riprotesizzazione), la cui organizzazione è stata affidata all’Ortopedia e Traumatologia dell’IRCCS di Negrar. Presidente della due giorni infatti è il dottor Claudio Zorzi, direttore dell’Unità Operativa del Sacro Cuore, coadiuvato alla vicepresidenza dai colleghi Paolo Avanzi e Antonio Campacci, responsabili rispettivamente della Chirurgia della spalla e di quella dell’anca.

Il tema del congresso, che vede circa 300 iscritti provenienti da tutta Italia, verte sulla più grande sfida per chirurghi ortopedici: l’intervento di revisione di protesi articolare (ginocchio, anca e spalla), necessario quando il primo impianto deve essere sostituito a causa anche dell’usura del dispositivo o dell’osso, per infezione o per mobilizzazione della protesi stessa.

Interventi chirurgici destinati a un aumento esponenziale se si calcola che nel 2022 i primi impianti protesici delle tre più importanti articolazioni sono stati 235mila (oltre 20mila in più rispetto al periodo pre-Covid) e che i pazienti sono sempre più longevi, a fronte di protesi che hanno una durata fisiologica, nonostante il perfezionamento dei materiali, di 15-20 anni.

Quella di revisione protesica è una chirurgia complessa, spesso accompagnata da trapianto di osso, e rappresenta la più grande sfida per i chirurghi ortopedici in quanto l’obiettivo di restituire al paziente la piena autosufficienza viene perseguito operando su un osso il più delle volte compromesso dal primo impianto. Il fallimento dell’intervento comporta una grave disabilità per i pazienti con pesanti costi umani, sociale e sanitari.

L’Ortopedia dell’IRCCS di Negrar si occupa di revisione protesica da circa 20 anni e proprio l’eccellenza in questo campo è tra i centri con la più alta casistica in Italia e struttura di riferimento regionale per revisione di ginocchio e anca. All’anno l’équipe del dottor Zorzi effettua complessivamente più di 1.700 impianti protesici di cui 200 interventi di revisione.

Durante la due giorni si avvicenderanno le relazioni di esperti provenienti dai maggiori ospedali e università italiani e europei, al fine di un confronto non solo sulle tecniche chirurgiche e sulla loro efficacia, ma anche sulle difficoltà che comporta un simile intervento e le strategie per risolverle.  Il congresso ha anche un obiettivo formativo: una sessione è riservata all’Associazione Italiana Specializzandi in Ortopedia e Traumatologia (AISOT), con i futuri ortopedici protagonisti delle relazioni.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia