Home Articoli Rossi e Zavarise: “Alle soglie del Vinitaly Verona si presenta sporca e...

Rossi e Zavarise: “Alle soglie del Vinitaly Verona si presenta sporca e in balia del degrado”

Pubblicità
“Autospurgo

“Scelte a dir poco prive di ogni buon senso, come l’aver tolto più di 50 cestini in piazza Bra, che la stanno facendo diventare un immondezzaio a cielo aperto, piuttosto che l’eliminazione dei divisori delle panchine, già occupate da soggetti non meglio identificati che sono tornati a usarle per bivaccare, come testimoniano le immagini che molti residenti già esasperati ci trasmettono continuamente; strade poi ancora gremite da buche e voragini che evidentemente l’amministrazione non è in grado di ripristinare e di sistemare”, ha dichiarato il Consigliere comunale della Lega Nicolò Zavarise.

Paolo Rossi, Consigliere comunale di Verona Domani, rincara la dose sui cantieri: “A differenza di quanto da un anno pronosticato dall’assessore Ferrari, i cantieri sono del tutto incompleti e in forte ritardo sui cronoprogrammi più volte annunciati. Questo significa aver preso in giro i cittadini senza essersi preoccupati della gestione concreta dei lavori. E che fine hanno fatto i lavori al parco di Santa Teresa promessi di partire a settembre 2023?”

Inoltre Rossi ricorda “il parcheggio degli ex magazzini generale di viale del lavoro, che sarebbe pronto ad essere utilizzato ma inspiegabilmente non ancora aperto; evidentemente per l’amministrazione la priorità è installare la mini Arena in stazione, senza occuparsi di fattori molto più importanti quali sicurezza e continue risse che hanno fatto della stazione ormai terra di nessuno”. 

Continua Zavarise elencando altre scelte “di natura esclusivamente ideologica come il piano della sosta che oltre a ghettizzare il centro e quartieri limitrofi, prevede anche un innalzamento delle tariffe, decisioni che renderanno la città meno attrattiva, accessibile, con la conseguenza che molte attività commerciali ed economiche saranno fortemente penalizzate”

 Concludono Rossi e Zavarise: “ il Vinitaly è una manifestazione di caratura internazionale e mondiale, meriterebbe una città molto più curata, segnaletica orizzontale sistemata, cantieri del centro chiusi e non orrende strisce d’asfalto tra via Roma e Castelvecchio, segnali elettronici Ztl coperti da mesi da orrendi teli neri o cantieri abbandonati da mesi come in via Diaz. Ci sarebbe bisogno di un’amministrazione molto più attenta alle reali esigenze dei veronesi e non di amministratori improvvisati che pensano esclusivamente a fare annunci che rimangono parole vuote e prive di fondamento”.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia