Home Articoli La Ronda della Carità chiama e il Rotary risponde. Obiettivo comune: essere...

La Ronda della Carità chiama e il Rotary risponde. Obiettivo comune: essere vicini a chi soffre

Pubblicità
Pubblicità

“Autospurgo

6.000 coperte e oltre 5.000 capi di abbigliamento, oltre a 150 pasti giornalieri. Questi i numeri, con cui la Ronda della Carità di Verona opera ogni giorno, 365 giorni all’anno. A questa necessità, diventata emergenza a causa della pandemia, il Rotary ha risposto con i suoi numeri: i quasi 600 soci degli 11 club di Verona e provincia, uniti per raccogliere i fondi necessari all’acquisto di una lavatrice e un essiccatoio, da installare nel Rifugio 2 in via Campo Marzo e 570 borse contenenti beni di prima necessità che saranno distribuiti, in città attraverso la Ronda della Carità, e in provincia, in sinergia con altre associazioni attive sul territorio.

II costo di questo service, 17.508 euro, è stato affrontato dagli 11 Rotary Club di Verona e provincia, dal distretto Rotary 2060, che ha contribuito con 8.754 euro e grazie alla generosità della ditta Parolini Giannantonio S.P.A. che ha donato 1.830 euro.

“Poter lavare abiti e coperte – afferma Alberto Sperotto vice presidente della Ronda della Carità – è importante non solo per l’igiene delle persone che vivono per strada ma anche per la loro dignità. Una lavatrice installata al rifugio 2, dove per la colazione del mattino accogliamo fino a 50 persone, è un sogno che si realizza e che consentirà di non dover buttare coperte e abiti sporchi”. Due apparecchi industriali, in grado di lavare e asciugare rapidamente costituiscono, quindi, un aiuto concreto che rafforza la sinergia fra Rotary e Ronda della Carità, nata in occasione dello scorso Natale quando i rotariani, hanno partecipato attivamente alla distribuzione di cibo e sacchi a pelo con il service “Natale senza Tetto”.

“Il Rotary – afferma Nicola Guerini, promotore dell’iniziativa – è da sempre sensibile alle necessità  della comunità  e intervenire concretamente per offrire una risposta alle persone, alle loro esigenze e alle loro fragilità”. 

“In questo momento di difficoltà – interviene il Governatore del distretto Rotary 2060, Diego Vianello – i Rotary, Rotaract ed Interact del Distretto sono impegnati nelle più svariate azioni di servizio a sostegno delle persone che manifestano sempre maggiori bisogni, come Governatore del Distretto non posso che essere grato ai club per quanto stanno facendo, intensificando la loro presenza attiva. Oggi più che mai è importante fare sistema, non solo con gli altri club del territorio, ma con le associazioni che, in prima linea ogni giorno, offrono aiuti alla popolazione. La collaborazione ci permette di intercettare nel modo migliore le necessità e dare una risposta, coinvolgendo sempre di più i soci rotariani nel servizio alle comunità”.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Redazione
Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia