Home Articoli Cinemateneo 2021, il 14 settembre la serata inaugurale dedicata all’Afghanistan

Cinemateneo 2021, il 14 settembre la serata inaugurale dedicata all’Afghanistan

Pubblicità
“Autospurgo

Il giardino del Polo Santa Marta, dal 14 al 16 settembre, ospiterà Cinemateneo 2021, l’appuntamento con il cinema d’autore che l’università di Verona dedica alla città e a tutta la comunità accademica. La rassegna rientra nel progetto Contemporanea ed è realizzata con il patrocinio del Comune di Verona e il contributo di Esu, l’azienda regionale per il diritto allo studio universitario. 

“Filmare la città: il reale e l’immaginario” è il filo conduttore delle serate del 15 e 16 settembre, con la direzione scientifica di Alberto Scandola, docente di Storia e critica del cinema, cui si aggiunge, di fronte alla violenza dei recenti avvenimenti, una serata speciale, quella del 14, dedicata all’Afghanistan. La serata speciale è realizzata grazie al contributo di Philm – Centro di ricerca su filosofia e cinema di ateneo e dell’Università Vita e Salute-San Raffaele, Milano e del Consiglio degli Studenti dell’ateneo.

Le proiezioni condurranno le spettatrici e gli spettatori sulle strade di Kabul, attraverso lo sguardo di quattro documentaristi afghani, le cui opere saranno proposte in lingua originale con sottotitoli in inglese: Whahid Nazir con “Mon Kabul” del 2006; Ali Hazara, con “Nuit tragico teatro de poussière”, 2011; Taj Mohammad Bakhtari con “Le métier de Sahar” del 2007 e Mariam Kamal, con “School bus”, 2011.

I film sono stati realizzati grazie agli Ateliers Varan / Afghanistan, con l’accompagnamento artistico di Séverin Blanchet (2006-2007) e Aurélie Ricard e Marie-Claude Treilhou (2011)”. Séverin Blanchet (co-fondatore degli Ateliers Varan) ha perso la sua vita nell’attentato del 26 febbraio 2010 a Kabul. La regista Marie-Claude Treilhou e la montatrice Aurélie Ricard hanno coraggiosamente preso il suo posto l’anno successivo, proseguendo così l’impegno degli Ateliers Varan in Afghanistan”. Girati poco dopo la caduta del primo regime talebano, i film in programma ci fanno attraversare le strade di Kabul su di un taxi pubblico, su uno scuolabus, ci portano all’incontro di alcune famiglie, ci fanno camminare di notte affianco ai netturbini che, novelli Sisifo, provano a liberare dalla polvere le strade della città, accompagnati dalle riflessioni a voce alta dei suoi abitanti. Questi lavori sono stati prodotti grazie al sostegno degli Ateliers Varan in Afghanistan, associazione da anni impegnata ad offrire i mezzi per raccontare la propria realtà agli abitanti di paesi dove non è garantito l’accesso ai mezzi di produzione audio-visiva o dove la produzione di massa non incoraggia le pratiche indipendenti. 

Aprirà l’appuntamento del 14 Olivia Guaraldo, delegata del Rettore al Public Engagement e docente di filosofia politica di ateneo. Seguiranno gli interventi di Anna Marziano, regista e studentessa dell’ateneo scaligero e di Gianluca Solla, docente di filosofia teoretica. 

Cinemateneo prosegue mercoledì 15 settembre, alle 20.30 con la proiezione di “25th Hour”, film del 2002 diretto da Spike Lee e proposto in lingua originale con sottotitoli. La serata sarà preceduta dall’introduzione di Alberto Scandola. La rassegna si concluderà giovedì 16 settembre, alle 20.30, con il film di Alessandro Rossetto “Piccola Patria” del 2013, introdotto da Paola Zeni, dottoranda in Filologia, letteratura e scienze dello spettacolo. 

Le serate sono a ingresso libero, con prenotazione obbligatoria al seguente link, sino a esaurimento dei posti disponibili. 

Sarà possibile accedere agli appuntamenti solo se in possesso di Green Pass in corso di validità. L’arrivo è previsto entro e non oltre le 20.15 per consentire le procedure di controllo della prenotazione e della Certificazione verde.  All’interno degli spazi universitari restano valide le regole anti-contagio del distanziamento, dell’uso della mascherina e della pulizia delle mani.  In caso di maltempo le proiezioni si terranno nell’aula magna del Silos di Ponente, via Cantarane 24.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia