Home Articoli In centro più spazi destinati ai pedoni, la proposta di Traguardi

In centro più spazi destinati ai pedoni, la proposta di Traguardi

traguardi
Pubblicità
“Autospurgo

Traguardi ha presentato alcune proposte per allargare anche al di fuori della Ztl gli spazi pubblici destinati ai pedoni, portando nei quartieri della Prima circoscrizione nuovi luoghi da vivere in sicurezza. A illustrarle, insieme al consigliere comunale Tommaso Ferrari, i candidati in Prima circoscrizione Alberto Butturini, Chiara Consolo, Gianmarco Calfa e Beatrice Rappo.

“Crediamo che i quartieri, anche in vista di maggior sicurezza, debbano essere più vivi, abitati e fruiti. Per far ciò – spiega Ferrari -proponiamo di chiudere gradualmente al traffico automobilistico le piazze e le strade strategiche in prossimità di zone ad alta concentrazione di attività”.

Verona è una delle poche città con un centro storico quasi completamente carrabile, dove la chiusura alle auto viene prevista in poche occasioni. Negli ultimi anni Traguardi ha insistito affinché la maggioranza uscente avviasse una seria riflessione sull’argomento, per arrivare alla stesura di un piano complessivo della mobilità in centro. Ora questo obiettivo, a cui l’Amministrazione è rimasta sempre sorda, trova spazio all’interno del programma del movimento Traguardi, forte della consapevolezza che la conquista di uno stile di vita di qualità passi anche attraverso la riconquista dello spazio pubblico urbano.

“Si tratta di un orientamento di metodo che potrebbe riguardare altri quartieri del centro, da Veronetta a San Zeno, con pedonalizzazioni anche temporanee – aggiungono Alberto Butturini e Chiara Consolo -. Per fare un esempio, nel rione di Santo Stefano abbiamo affrontato con i residenti il tema di una progressiva chiusura del quartiere stesso, in particolar modo di via Madonna del Terraglio, una strada storica e fragile attraversata da un flusso continuo di traffico. In questo modo diventerebbe fruibile anche la piazzetta della funicolare di Castel San Pietro, che attualmente è utilizzata in via quasi esclusiva come un parcheggio”.

“Questa e altre operazioni analoghe non possono però prescindere da una revisione del piano della sosta che liberi il centro dalle auto private e dia priorità di parcheggio ai residenti – sottolineano Beatrice Rappo e Gianmarco Calfa -. Per questo motivo, prevediamo convenzioni con parcheggi esterni e la realizzazione di nuovi parcheggi silos e scambiatori nella cintura esterna al centro”.

A margine dell’incontro sono stati presentati gli altri punti del programma di Traguardi per la Prima circoscrizione, un programma che prevede, fra gli altri, un piano di interventi e opere strutturali per contrastare gli allagamenti grazie a uno studio complessivo sull’intera rete idrica; una programmazione coordinata e condivisa degli eventi culturali, delle manifestazioni e degli appuntamenti sportivi, realizzata ascoltando i cittadini per non sovraccaricare vie, piazze e quartieri; la rigenerazione del parco delle mura attraverso una migliore manutenzione della cinta verde, con attività e servizi per i cittadini, percorsi storici e naturalistici in collaborazione con le associazioni.


Questo articolo può interessare ad altri? Condividilo subito!

Mattino di Verona è il nuovo quotidiano di Verona: notizie di cronaca, news, gossip, politica ed economia